Ustione

Sintomi

▲ Ustioni di 1° grado: pelle rossa, infiammata.

▲ Ustioni di 2° grado: Pelle essudorante molto dolorosa, vesciche da scottatura.

▲ Ustioni di 3° grado: Pelle bianca, sensibile al tatto o profondamente escoriata. Spesso solo dolori lievi poiché le terminazioni nervose sono danneggiate. Tessuto danneggiato fino all’ipoderma.

Cause

Diversi elettrodomestici come ferro da stiro, piastre da cottura ecc., grasso e acqua bollente, sole (vedi «Scottatura solare»).

Ecco come potete aiutare il vostro bambino

▲ Immergete la parte del corpo ustionata per almeno 15-30 minuti in acqua fredda o fateci scorrere sopra l’acqua fredda. Avvolgete il punto ustionato con un panno freddo oppure trattatelo con uno spray rinfrescante. Se l’ustione o la scottatura avviene attraverso i vestiti, toglieteli se non sono attaccati alla ferita.

▲ In caso di ustioni, è importante che il bambino beva molta acqua tiepida.

▲ In caso di ustioni estese, proteggere dall’ipotermia con coperte o abiti caldi. Attenzione agli shock. Sintomi dello shock: pallore, tremore, sudore freddo, inquietudine, stato confusionale. Sollevare le gambe, tenere il bambino al caldo e chiamare IMMEDIATAMENTE il medico.

Rimedi dalla drogheria

Internamente possono essere d’aiuto il sale di Schüssler n. 3 (Ferrum phosphoricum), in caso di formazione di vesciche in abbinamento al n. 8 (Natrium chloratum).

 

Importante

Le vesciche generate dalle ustioni proteggono la pelle danneggiata e prevengono le infezioni, perciò non si devono far scoppiare.

Quando occorre andare dal medico?

Le ustioni molto estese di 1°, 2° e 3° grado richiedono l’intervento medico. La pelle è uno degli organi più importanti per la respirazione e lo scambio perciò le ustioni possono compromettere anche altri organi, come ad esempio i polmoni o i reni. Se l’8-10 percento della superficie cutanea è ustionata (nei bambini corrisponde all’incirca alla superficie di una coscia o di una gamba) sussiste già il rischio di morte.